Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Scuola’ Category

Appunti ipersparsi dal corso online di Future Learn “Education for all”:

– Valutare la costituzione di gruppi di mutuo aiuto costituiti da membri della comunità. Esempio: gruppi di aiuto alla lettura.

– Sfruttare tutte le risorse già a disposizione della comunità:

Esempi di persone che è possibile coinvolgere: personale infermieristico, figure religiose di riferimento…

– In una scuola di Zanzibar hanno aperto un negozio come mezzo per avere denaro utilizzabile per l’acquisto di risorse utili.

– Utile analizzare le risorse che la comunità può offrire a sé stessa più che i bisogni.

– Per farlo, saper distinguere cosa hanno da offrire individui, organizzazioni, istituzioni.

– Infine come sempre here is a list of all the most important resources referred to during the week. Lista delle risorse (in inglese) usate nella quarta settimana di corso…

Read Full Post »

Continuo in ritardo (e peccato perché dagli scambi con altre partecipanti ho imparato moltissimo) il famoso corso online di Future Learn “Education for all” sull’inclusione a scuola (per quanto riguarda le disabilità e non solo)…

Si parla di come coinvolgere la comunità e prendo appunti alla veloce in traduzione (originale inglese più giù):

– Gruppi mirati. Bisogna concentrare i propri sforzi su gruppi precisi all’interno della comunità di cui si vogliono modificare gli atteggiamenti… Per esempio il modo in cui si educano i genitori dovrebbeessere diverso da quello che si userebbe a scuola con i loro figli e le loro figlie.

– Pianificazione di contatti personali con delle persone disabili. 

– Informazioni interessanti e pertinenti. La luce va puntata sulle persone più che sulle caratteristiche del loro handicap.

– Le doti personali degli individui vanno evidenziate. È meglio concentrarsi sui talenti, gli interessi e le abilità degli individui. Il fulcro del messaggio è che disabilità non vuol dire inabilità.

– Comunicazione. Ci sono molti modi per lanciare un messaggio: video, volantini, locandine, canto, teatro. Di solito colpiscono più di una persona in piedi a parlare davanti a uu gruppo. Qualsiasi insegnante può confermare che quando chi impara è coinvolto e si diverte è anche più disposto/a ad imparare.

(Mariga, McConkey and Myezwa, 2014: 65,69)

  • Target groups – You need to focus your efforts on particular groups within your community whose attitudes you feel need to change. This will enable you to devise educational approaches that are suited to your chosen groups. For example how you educate parents should be different to what you would do with school pupils.
  • Planned personal contacts with disabled persons – Attitudes change when people have the opportunity to meet, talk and listen to people who are disabled. This gives people an opportunity to overcome their fears as they discover that the people they thought were very different are in fact just like themselves!
  • Interesting and relevant information – The emphasis needs to be on people rather than the features of their impairments.
  • The personal attributes of individuals should be highlighted – It is beneficial to focus on the talents, interests and abilities of individuals. The core message is that disability does not mean inability.
  • Communication – There are lots of ways of getting the message across – video, leaflets, posters, singing, and drama. These will often have more impact than a person standing before a group and giving a talk. Any teacher will tell you that when learners are engaged and entertained they are more willing to be educated.

Read Full Post »

 

Ho imparato come si dice “wa aleikum salam” (و عليكم السلام), che è la risposta a “assalamu alikum” (السلام عليكم), in Lingua dei Segni! ❤ In questo video, sempre al corso online di Future Learn “Education for all” sull’inclusione a scuola (per quanto riguarda le disabilità e non solo)…

La mano destra fa un semicerchio in piano da sinistra in senso orario e poi bussa a sinistra verso il basso!! ❤ ❤
– – –
PS)  here is a list of all the most important resources referred to during the week. La lista delle risorse usate durante la terza settimana di corso si scarica automaticamente cliccando sul link!

Read Full Post »

Mi sono innamorata (professionalmente, scolasticamente, parlando). Ho trovato la Preside dei miei sogni! Si chiama Ann Morton e se ne parla in inglese qui.

I miei appunti per il corso online di Future Learn “Education for all” sull’inclusione a scuola (per quanto riguarda le disabilità e non solo) oggi sono tutti per lei: che rivoluziona la scuola intera ogni nuovo bisogno, ogni nuov@ studente, ogni nuova famiglia, e ogni tanto visto che il tempo passa anche per gli e le insegnanti…

Visto che parla dei loro occhiali. Del resto del personale di servizio. O dei genitori in sedia a rotelle. O di quando è arrivat@ un/a alunn@ in transizione, ma non c’era bisogno di cambiare le divise perché erano già neutre. Poi chiede alle ONG di fornirle volontari per essere di supporto alla lettura. O chiama i genitori disoccupati a dare una mano in classe…

Perché

it’s not about having children in the school who are deaf, or who are in wheelchairs. Actually, those are the easiest children to have involved in the school. It’s all about every single person. It’s all about re-evaluating the procedures and practices that you as a school have every single day. Nothing is permanent… Inclusion is a continuum.

1:00

= non si tratta del bambino sordo o della bambina sulla sedia a rotelle. Anzi, quelli sono i bambini che è più facile includere. SI TRATTA DI OGNI SINGOLA PERSONA. Si tratta di rivalutare procedure e pratiche ogni singolo giorno. Niente è fisso… L’inclusione è un continuum.

Read Full Post »

Ancora il mio corso online sull’educazione inclusiva di Future Learn.

Appunti al volo:

Creating a welcoming environment where all parents, teachers, and learners feel accepted and valued for the contribution they can make, whatever that may be, is crucial in developing an inclusive school.

Mi piace quest’idea che si debba valorizzare e far sentire accettati/e: parenti, insegnanti e studenti!

Poi: tra le risorse fornite durante il corso l’interessante “Index per l’inclusione“, in traduzione italiana a questo link. Non ho il tempo di leggerlo tutto ma  sfogliandolo ho intravisto concetti davvero interessanti. Per esempio, a pag. 15 si parla di:

(altro…)

Read Full Post »

6490364423_7480c18789_z.jpg

Continuo con un po’ di ritardo a seguire il mio corso online sull’educazione inclusiva di Future Learn. Continuo a trovarci spunti.

Per esempio, una madre racconta quali sono le tre domande che si fa costantemente per capire se suo figlio è al posto giusto:

– is he learning?

– is he participating?

– is he happy?

[Sta imparando? Sta partecipando? E’ felice?] Anche se sembrano ovvie, queste domande dicono molto su chi deve essere il soggetto dell’inclusione:

– lo/la studente disabile, e la sua conoscenza, il suo personale progresso

– lo/la studente disabile e la classe (studenti e insegnanti) : “sta partecipando?” significa “sta ricevendo e dando? è parte del gruppo?”

– …questa poi, sarebbe bello porsela di fronte a ogni studente, ogni giorno

 

POST SCRIPTUM) qui un’intervista in inglese a una docente macedone che divide la classe in gruppi, e chi ha finito prima aiuta chi non ha ancora finito!

Anzi, qui un file pdf con tutte le risorse della seconda settimana di corso:

week2resourceslist-docx

Read Full Post »

Uno dei compiti della seconda settimana del corso online su disabilità e scuola (inclusiva) era leggere il terzo capitolo di Inclusive Education in Low Income countries, A Resource for Teacher Educators, Parent Trainers and Community Development Workers, che si concludeva con un elenco di idee utili a creare un (buon) rapporto scuola-famiglia. Ricopio sotto la lista in inglese (e se riesco, prometto, un giorno traduco – perché non c’è una sola di queste idee che non mi sembri interessante), ma prima mi soffermo sulla prima “domanda al lettore/alla lettrice”, quella del riquadro giallo in foto: perché alcuni docenti e alcune scuole sono riluttanti all’idea di coinvolgere la famiglia nella vita della scuola? Mi dispiace, ma rispondo con un “NO COMMENT”. Sono certa che chi lavora nella scuola sa di cosa parlo. E la mia paura, ogni volta che seguo questi corsi di aggiornamento, ogni volta che ho nuove idee, è sempre la stessa: i colleghi e le colleghe mi permetteranno di metterle in pratica? Mi aiuteranno? Resteranno passivi? Mi metteranno addirittura i bastoni tra le ruote?

(altro…)

Read Full Post »

Dicevo qui che ho ripreso col corso online su una scuola che sia inclusiva per tutti/e, comprese le persone con un handicap (o impairment, da utilizzare al posto di disabilitàdisability – che è invece la proiezione la rappresentazione la produzione il prolungamento dell’handicap nella società).

Il focus delle lezioni di questa settimana è la famiglia, e l’aiuto che deve ricevere per avere un ruolo attivo nell’inclusione del figlio o della figlia nella comunità e a scuola. Si parla anche e soprattutto di famiglie povere, casi diversi da quelli che ho incontrato finora. 

Ma le due volte (sic) che da insegnante ho conosciuto la famiglia di uno studente disabile (per altro si è trattato di un contatto indiretto, in un caso tramite l’insegnante di sostegno, nell’altro tramite racconti dell’alunno stesso), ho riscontrato altri problemi. Legati in un caso all’iperprotettività, nell’altro a un contesto sociale disgregato, periferico nel modo più stereotipico che possiamo immaginare (furti, armi bianche e non, violenza, soprusi, logica del branco…)

Mi è venuto in mente quanto sarebbe utile, come suggerisce il corso online, organizzare degli incontri in cui i famigliari possano condividere aspettative, paure, sensazioni, riguardo alla persona disabile. Incontri a cui siano presenti anche gli insegnanti e che inizino prima dele lezioni, perché il quadro sia più chiaro ed eventualmente modificabile (nel caso di aspettative troppo alte, troppo basse, disordinate; nel caso in cui le sensazioni sulla persona disabile siano negative)… Mi è venuto in mente che andrebbe organizzato, poi, un bell’incontro di classe (con studenti e genitori) di quella classe che ha accolto lo/a studente disabile. Chissà se è possibile e legale invitare degli esperti a proprie spese in uno stato che affida gli studenti disabili a docenti di diritto rimasti/e senza cattedra in classi pollaio di 28 membri…

Read Full Post »

Settimana iniziata come insegnante di inglese a distanza per mio fratello e poi passata a rincorrere francofonie, bilinguismi, idiomatic speach e fortezze a guardia di frontiere morte,,, ora posso riprendere col corso online! A partire da uno scambio di commenti:

– ho imparato che esiste in certe scuole la possibilità di scegliere che compiti fare da un menu take-away (homework take-away method), in base al tempo a disposizione e alle preferenze dello/a studente;

– ho trovato un sito un po’ fanatico ma interessante sull’insegnamento  cercando (e non trovando) cosa fosse lo Spellbinder method per lo spelling

Si è insisitito ancora sulla dimensione sociale, non individuale, della disabilità :

Questo video lo spiega meglio di me, e quello seguente mi ha fatto pensare a quante volte ci congratuliamo con delle persone che riteniamo “eccezionali” per il solo fatto di essere disabili / straniere / belle (sì…) e non ci accorgiamo che così le offendiamo, le rendiamo “diverse”, eccezionali appunto…

Read Full Post »

Dicevo qui che sto seguendo un corso online su un’educazione che sia inclusiva per tutt* e nello specifico per i disabili. La piattaforma online è FutureLearn. 

Ho chiuso gli appunti presi l’altra volta con la parola RELAZIONE e da qui si riparte con una definizione della disabilità che la mette al centro, riducendo di molto il peso che cade sulle spalle della persona diversa:

United Nations Convention on the Rights of Persons with Disabilities (UNCRPD) define a disability as an evolving concept that arises in the interaction between a person with impairment and their environment.

Ma certo! Si è dis-abili sempre in rapporto a qualcosa o qualcuno. La relazione con altre persone e con l’ambiente è ciò che determina la disabilità, che non è parte della persona in sé. Questo deve modificare il nostro sguardo, e spostare l’asse del nostro intervento su tutto ciò che sta attorno alla persona se vogliamo che la sua disabilità, e la percezione di essa, si modifichino…

Read Full Post »

I wrote here that sometimes I just start another online course. This time is “Education for all” on FutureLearn, where “all” is meant to include and adress specifically to people with disabilities.

Qui gli appunti presi l’altra volta e ora quelli di oggi – cose nuove e cose che so e a volte so bene, ma che è sempre buono ripetere, rileggere, condividere:
Esistono molte differenze (tra me e l’altro, tra le persone) e dobbiamo imparare a vederle tutte. Sembra una cosa ovvia e forse non lo è. Cerchiamo continuamente di nascondere, truccare, normalizzare le differenze. Ma sotto il velo quelle rimangono. (altro…)

Read Full Post »

Sometimes I just start another online course. This time it’s “Education for all” on FutureLearn, where “all” is meant to include and adress specifically to people with disabilities.

Cosa ho imparato finora (o meglio ecco gli appunti presi, ché certe cose le so e bene ma è sempre buono ripetere, rileggere, condividere):

– che si parte da sé (già il femminismo ci insegnava che personale è politico e viceversa; a me lo insegnava Clelia, con parole poco differenti) e che non devo aver paura di farlo in quanto insegnante: partire dalla mia esperienza di studentessa, di insegnante, di donna;

– che posso usare i miei problemi (e le soluzioni trovate!) per provare a capire/ridurre/rimuovere i problemi dell@ studente che ho davanti: si parlava di coppie miste… (altro…)

Read Full Post »

Sto usando dei vecchi quadernoni del liceo
…e su uno ci ho trovato questo:

image

Il linguaggio è un arazzo:

guardargli dietro.

scoprire fili rossi.

collegare punti lontani,
distanziarli ancora di più.

Read Full Post »

15217351216_b41a918fab_z.jpg

Non è vero che la scuola mi rilassa. Caso mai, a scuola mi rilasso. Mi succede, è magico, è bello, è: dentro. Non sono certa venga da fuori e sicuramente fuori a volte poi se ne riesce. E la traccia lasciata da questo passaggio è la stanchezza ovunque (braccia gambe stomaco ma soprattutto testa e cuore).

Devo ancora imparare a tener stretto quel sorriso che si specchia nel finestrino del bus sul Bisagno. Tenerlo e spargerlo – crema – perché si faccia energia: pelle luminosa, occhi brillanti, unghie pronte – a grattar via cosa di bello mi può ancora dare una giornata.

Read Full Post »

E niente.

A metà aprile mi arriva una mail. Dice più o meno che

Nasce eduopen.org, il primo portale italiano di corsi universitari gratuiti e aperti a tutti, creato dagli atenei e supportato dal Miur. La piattaforma e i corsi MOOCs offerti sono il risultato di un progetto realizzato da 14 università pubbliche italiane con la collaborazione dei consorzi Cineca e Garr.

Quando entro nel sito scopro che ci sono una ventina di corsi sulla didattica (perfetto per me che in questo periodo non ho granché da fare), ad esempio quello che dà il titolo a questo post e che ho cominciato a seguire. E allora vai con il famoso “lifelong learning”, che io adoro come idea, eh, ma potevano darli anche ai docenti e alle docenti precari/e ‘sti 500 euro in busta paga…

Vabbè. In realtà – per fortuna – i corsi di EduOpen sono gratuiti!

Post Scriptum: il titolo del corso vi ricorda nulla?

8448541815_c27cae61b6_z.jpg

Read Full Post »

all are teachers all are learners.jpg

Sono notti insonni giorni dimerda a fare di tutto e tutto di seguito e ancora avercene, con l’occhio che trema sempre, sempre, la pancia gonfia di sbuffi e pipì perché non ho tempo nemmeno per andare in bagno.

Al mattino il caffè mi eccita al punto che in autobus litigo con tutti i controllori (e ce l’ho il biglietto, eh) e metà dei passeggeri. Genova fuori dal finestrino è bella, io la attraverso, poi conto 170 scalini ed entro a scuola. (altro…)

Read Full Post »

fino alla nomina dell'avente dirittoC’è che mi piace sempre scrivere e scrivo ancora ma molto meno. Ed è molto diario e poco diario di bordo, il lavoro mi prendeva così tanto che sul cuscino c’era spazio solo più per bazzecole d’amore, o osservazioni da flaneuse postmoderna. Poi nella notte gli studenti invadevano i sogni, non mi salvavo mai, ma questa è un’altra storia. (altro…)

Read Full Post »

La Marelle

Venerdì ho accompagnato un’ex collega a scuola e alla stazione, mi sono stampata l’orario, la mappa delle classi, l’elenco di alunni/e e coordinatori/trici. (altro…)

Read Full Post »

Love

Ho già detto qui e qui che insegno in un istituto di istruzione superiore alberghiero e che ho studenti di tante nazionalità diverse, a volte impossibili da decifrare (il che rende l’esercizio ancora più interessante)… (altro…)

Read Full Post »

imperfetti frammenti di un discorso amoroso in perfetti silenzi

Piccolo resoconto di una piccola lezione di scuola in una piccola città*

*Dedicato a quelli/e de LA LINGUA BATTE.

C’è un gruppo facebook che mi tiene incollata allo smartphone anche quando non dovrei, su cui leggo e scrivo di Lingua, parole, opere e traduzioni. Si chiama “LA LINGUA BATTE”, come il programma radio condotto da Giuseppe Antonelli, a cura di Cristina Faloci, che è

una sorta di osservatorio sullo stato e sull’evoluzione della lingua italiana nei suoi vari aspetti.

C’è una classe di venti élèves a cui insegno francese e da cui imparo piemontese, albanese e marocchino.

A loro (élèves) devo spiegare il tempo imperfetto e a loro (Linguabattenti) chiedo perché si chiama così. (altro…)

Read Full Post »

2 parole 5 lettere : amoretradotto

L’altra volta leggevo una mia alunna albanese “sperare” in piemontese che la verifica sul passé composé francese andasse bene… Mi colpiva che

le parole che sopravvivono dei dialetti sono quelle che ci riguardano più da vicino: quelle che riguardano i sogni, le speranze, i sentimenti…

Oggi è la volta di un’altra ragazza albanese. Posta sulla sua bacheca facebook le foto scattate in classe con la compagna di scuola italiana e sotto le scrive:

Sei bellissima zemra!

Se non mi sto sbagliando, “zemra” è verbo e sostantivo albanese per l’amare e l’amore italiani.

Mi innamoro di quest’uso istintivo delle ‘sue’ cinque lettere dove in Italia ci aspetteremmo le nostre.

Mi perdo a pensare al suono diverso dei sentimenti a longitudini diverse: per me “zemra” sa di zenzero fresco ed erbe aromatiche secche! L’amore è più tondo e più gonfio, l’amare più scivoloso. In francese l’amour è toujours e lo canta Edith Piaf, l’amer è anche amaro ed è il mare, è più blu, sfuma nel viola.

Mi chiedo che suono e che odore e colore ha “zemra” per quell’amica italiana abituata fino a ieri ad amare nella mia stessa lingua.

…E vorrei dirvi, ragazze, continuate a insegnarvi e godervi l’amore in tutte le lingue e le forme che conoscete e suggeritemene un po’, io sono pronta a imparare!

teach & love & imagine

Read Full Post »

pure il piemontese

Come insegnante in un istituto di istruzione superiore alberghiero alle prese con studenti più o meno motivati allo studio del francese, ho deciso di creare un profilo facebook che non uso mai se non per comunicare sui gruppi di classe e per ricevere o spedire messaggi privati che riguardino interrogazioni, assenze da recuperare…

Avendo assegnato degli esercizi di ripasso il lunedì per domani, (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: