Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘francese’

Un’altra citazione per la mia serie.

Il multilinguismo non basta. È il linguaggio che dobbiamo insegnare. Comprese le strutture di potere che lo sostengono, e che riguardano sia il noi che l’altro

Studiando letteratur-e comparat-e il 18 settembre 2016. Pensando a una ricerca sull’insegnamento/apprendimento [apprendre!] della Francofonia e non del francese (compresissime le sue strutture di potere!!)

Read Full Post »

Niente London @LanguageShow, un po’ di @BOOKCITYMILANO

con tutti i suoi difetti, questa foto mi piace tanto, e mi ricorda un bel weekend, a raccontarsi nell'orecchio storie in francese prima di addormentarsi

con tutti i suoi difetti, questa foto mi piace tanto, e mi ricorda un bel weekend, a raccontarsi nell’orecchio storie in francese prima di addormentarsi

Come dicevo, ho ricominciato a insegnare. Perciò, questo fine settimana, niente Language Show Live a Londra. Però, però… Quasi quasi… Potrei andare il prossimo al BookCity a Milano! Dai dai dai! Cominciamo a sognare: (altro…)

Read Full Post »

Love

Ho già detto qui e qui che insegno in un istituto di istruzione superiore alberghiero e che ho studenti di tante nazionalità diverse, a volte impossibili da decifrare (il che rende l’esercizio ancora più interessante)… (altro…)

Read Full Post »

love letters

Facciamo così. Diciamoci che quella tra me e te è la storia d’amore più platonico io abbia mai avuto (“amore platonico” è diverso da “tutte le mie fantasie e i miei viaggi su qualcuno/a che non ha per me né viaggi né fantasia”: è nel senso comune un amore a distanza e non fisico). Diciamoci pure, se vuoi, che è colpa mia (e poiché non è un blog d’amore né di sesso il perché lo sappiamo io e te). Diciamoci un sacco di cose e il punto è questo: diciamoci. Parliamoci ti prego, scriviamoci ancora. Sei l’unica persona con cui mi impiglio a scrivere così bene e mi piace così tanto.

Vorrei dirti: non mi frega di rivederti, che mi chiami, che mi inviti, ma scrivimi. Ché un gioco così io ce l’ho solo con te, e poi ci sono due mail e un bigliettino con quell’altro ma non è amore nemmeno platonico, solo gioco, ed è in francese e molto bello ma molto diverso: è approfittarsi di tutti quei silenzi che il francese scrive ovunque (le -s, le -e…) e quelle espansioni dalla letterarietà del segno (i dittonghi lunghissimi con pronunce brevissime) e delle liaisons (legami) tra le parole per scrivere frasi italiane con grafie francesi, tipo

As paix tôt ou n’a tout à riz se poste ah !

Ce paire aux dinos!

Facciamo così io e te, invece. Niente lettere silenziose (che non sono inutili ma usabili appunto in diversi modi), niente sforzi. Solo le storie che inventiamo così facilmente e la poesia che viene fuori a raccontarle (le nostre storie in sé non sono poetiche affatto)… Storie platoniche senza simposio e con ben poco iperuranio: scriviamole!

Read Full Post »

Stamps

Leggo quasi sempre in italiano. O almeno, se ho l’originale: anche in italiano. Ho tantissimi libri in inglese, francese, e non li scelgo mai – nemmeno Le Petit Prince che è corto corto e facile e suggestivo.

Un giorno di tanti anni fa (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: