Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Parigi’

image

L’ho già detto che sono a Parigi?

E niente, mi sorprendo a rispondermi “il est qua” cercando il pc, e adoro il modo in cui le lingue cominciano a mischiarsi nella mia testa!

* * *

[Scritto il 23/08/2016, secondo giorno a Parigi, Canada -1, QUI il resto delle mie avventure parigine e canadesi…]

Read Full Post »

Un’altra serie.

È così bello e facile stare meglio creando piccoli rituali legati alle cose che ci piacciono di più!

20160822_212128.jpg

Sono partita per Paris da cui partirò per il Québec. Non ho potuto portare con me i miei dizionari, le mie parole.

image

Ma in questo appartamento pieno di libri e filosofie ho trovato un Larousse tascabile Français-Anglais e ho cominciato aprendo guarda caso su

LEA, langues  étrangères appliquées  (facile), leader e leadership  (pure) e finalmente leccare:

image

Non contenta, volendo fare la prova all’indietro, cercando e non trovando wash up ho scoperto che il washout inglese è il fiasco (!) francese, sono capitata su roast-beef scritto rosbif e su nightie (pronunciato con -i- finale) per chemise de nuit.

Insomma, con questo gioco mi son fatta già prendere la mano…

Read Full Post »

fino alla nomina dell'avente dirittoC’è che mi piace sempre scrivere e scrivo ancora ma molto meno. Ed è molto diario e poco diario di bordo, il lavoro mi prendeva così tanto che sul cuscino c’era spazio solo più per bazzecole d’amore, o osservazioni da flaneuse postmoderna. Poi nella notte gli studenti invadevano i sogni, non mi salvavo mai, ma questa è un’altra storia. (altro…)

Read Full Post »

Ho:

_ appena consegnato una traduzione abbastanza lunga

_ un sacco di articoli quasi pronti che ho scritto questo mese ma non sono riuscita a finire per bene

_ voglia di uscire e passeggiare sur la Seine! 

 

Parce-que oui, je suis à Paris:

Locandine a Parigi

Locandine a Parigi

Read Full Post »

Solitamente odio le foto prese in diagonale, ma questa volta non c'era altro modo. E poi mi sembra più facile continuare quel cielo col pensiero, se voglio...

Solitamente odio le foto prese in diagonale, ma questa volta non c’era altro modo. E poi mi sembra più facile continuare quel cielo col pensiero, se voglio…

E poi arriva quel momento (molto vicino alla fine del lavoro) in cui non ti rendi più conto di dove sei.

Non sai davvero se stai traducendo da casa da una biblioteca da Genova o da Parigi. Certo, ogni tanto guardi fuori alla tua destra, dalla finestra della camera di questa ragazza con cui hai fatto scambio di appartamento per tutto agosto, e il Sacré-Cœur ti fa l’occhiolino da lontano mentre si veste di una nuova luce – una nuova sfumatura – come il mare della città in cui ti sei trasferita ad aprile visto dal tuo terrazzo sul porto… Ma non lo vedi davvero.

Il movimento rapido di testa e cuore fa parte del velocissimo meccanismo traduttivo in cui sei presa, è la pausa di cui hanno bisogno i tuoi occhi, che però ancora vedono radar e sonar e trasduttori e circuiti. Perché è lì che sei, su quella barca che vogliono brevettare, nel testo, nelle parole.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: