Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘perchè scrivere’

image

Perché scrivo? Per paura. Per paura che si perda il ricordo della vita delle persone di cui scrivo. Per paura che si perda il ricordo di me. O anche solo per essere protetto da una storia, per scivolare in una storia e non essere più riconoscibile, controllabile, ricattabile.

(O scrivo per essere riconosciuta e da chi, sempre incontrollabile, non ricattabile?)

La citazione fa parte di una serie. È di Fabrizio De André, Sotto le ciglia chissà, non ancora letto. Ma c’era questo articolo una sera di aprile o di maggio ad avvolgermi le tazzine della felicità. E c’è questo titolo, anche, al mio diario di mesi… (31 gennaio 2016 – giugno)

La cosa buffa è che programmo l’articolo per fine agosto, quando sono già in Canada. Che titolo ha il mio diario, ora?

Read Full Post »

*articolo scritto a mano e su smartphone a partire dall’08/05/2014…
problemes sociaux
Ho raccontato (qui) di quanto fossi stanca, di come questa stanchezza non fosse una brutta malattia ma piuttosto – come suggerito da Riccardo Panattoni nella recensione La società della stanchezza di Byung-Chul Han, traduzione di Federica Buongiorno, per doppiozero –  la cura al desiderio poco sano di far tutto e anche di più in un luogo di lavoro (la mia testa) dove per l’imprenditrice di se stessa
nulla è impossibile.
Ho accennato che per guarire, stanca com’ero, ho cambiato città, sventrato un alloggio, riempito a mo’ di magazzino la stanza che abitavo dai miei, scelto una camera singola piccola in un vicolo buio in condivisione a Genova (ma il terrazzino della cucina è vista porto/mare).

(altro…)

Read Full Post »

Dalla pagina facebook dedicata a Pier Vittorio Tondelli

arrivo su questo blog ben scritto cercando una citazione più ampia

che trovo però solo su Google Books

e penso:

se tradurre è (ri)scrivere

… come (ri)leggere questo passo di “Camere Separate”?

Corro in libreria, mi assento un po’, e ne riparliamo.

violenta fiducia

Ma poi perché scrivere?

E soprattutto perché pubblicare?

Perché rendere questo dolore, così privato e così essenziale,

un piccolo oggetto limitato da buttare al macero o nella polvere?


Pier Vittorio Tondelli, Camere separate

View original post

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: